C’è anche l’avvistamento del 30 aprile scorso a Santa Ninfa, in provincia di Trapani, fra i casi di ‘ufo’ registrati nel 2015 e nel 2014 dall’Aeronautica militare: la sintetica descrizioni di queste segnalazioni è riportata nel sito della Forza armata, nella sezione riservata agli Ovni (Oggetti volanti non identificati), che non contiene ancora i dati relativi al 2016.

Nella cittadina siciliana il caso venne notato da alcuni “privati cittadini” che segnalarono un oggetto sferico, a 800 metri dal suolo, che si sposta in direzione verticale, a velocità ridotta, cambiando colore “da giallastro a violaceo”.

Sono stati dieci gli avvistamenti di Ufo registrati nel 2015 e nel 2014 dall’Aeronautica militare: la sintetica descrizioni di queste segnalazioni è riportata nel sito della Forza armata, nella sezione riservata agli Ovni (Oggetti volanti non identificati), che non contiene ancora i dati relativi al 2016.

In particolare, due sono stati gli avvistamenti segnalati all’Aeronautica nel 2015 e otto nel 2014.

L’Aeronautica Militare e’ l’organismo istituzionale incaricato di raccogliere e verificare le segnalazioni di Ufo, in genere quelli provenienti da testimoni che hanno denunciato il fatto ai carabinieri e compilato un modulo circostanziato. La Forza armata svolge quindi un’indagine tecnica, attraverso i suoi vari reparti, dal servizio meteo ai comandi operativi, essenzialmente allo scopo di garantire la sicurezza del volo e nazionale.

Se l’oggetto misterioso non e’ un pallone sonda, un aeroplano tracciato dai radar o, comunque, un fenomeno noto, allora a tutti gli effetti viene classificato come Ovni, Oggetto volante non identificato. Il che non vuol dire, naturalmente, che gi alieni sono tra noi: “significa solo che non e’ stato possibile individuare una giustificazione tecnica o naturale di quel fatto”, spiegano all’Aeronautica, precisando che non e’ compito loro esprimersi sull’attendibilità dell’avvistamento.