Non è vero ma vorrei tanto lo fosse. La notizia che sta facendo il giro del web è di quelle a cui a primo impatto tutti (gli uomini) vorrebbero credere, soprattutto se accompagnata dalla foto che ritrae splendide modelle in bikini.

Si tratterebbe della presunta approvazione di un emendamento della Commissione europea che prevedrebbe la possibilità di ospitare in casa propria rifugiati ucraini, preferibilmente “giovani donne da sempre discriminate per futili motivi” dietro il corrispettivo di 1.450,57 euro al mese.

Sul web è corsa alla solidarietà, si fa per dire: tanti gli uomini che sui social network hanno scritto di offrirsi anche senza compenso di ospitare una delle ragazze dell’est. La “notizia” è talmente ghiotta che quasi nessuno si è accorto che la fonte, il “Giornale del Corriere”, è un sito satirico e dunque l’intera vicenda una bufala bella, bellissima e buona.