La Sicilia ed altre dieci regioni italiane si accingono a chiedere lo stato di calamità a causa delle ondate di calore che stanno causando problemi di siccità.

Le altre sono Emilia Romagna, Veneto, Toscana, Marche, Lazio, Molise, Puglia, Calabria,  Sardegna e la Provincia autonoma di Trento.

“Siamo pronti a rispondere con tempestività, assicurando l’attivazione degli strumenti del Fondo di solidarietà nazionale”, ha detto il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina in audizione in commissione Ambiente alla Camera.

”Grazie ad un accordo in via di perfezionamento con la Commissione Ue – ha aggiunto –  abbiamo stabilito un aumento degli anticipi dei fondi europei della Pac e dello sviluppo rurale di circa 700 milioni di euro per infrastrutture irrigue, portandoli a 2,3 miliardi”.

Martina ha detto che “è necessario mettere in campo un mix di interventi per fronteggiare la scarsità d’acqua, che si ripercuote con grande impatto su diverse attività”.

Intanto stamani Coldiretti Catania ha lanciato l’allarme siccità: nelle campagne della zone di Palagonia sarebbero state esaurite le riserve d’acqua.